Medioevo reale-Medioevo immaginario

, , Comment closed

La collaborazione del CRISM con il Borgo medievale di Torino ha avuto un momento di accelerazione con l’organizzazione del convegno internazionale Medioevo reale-Medioevo immaginario. Confronti e percorsi culturali tra regioni d’Europa, svoltosi a Torino il 26-27 maggio 2000 (gli atti sono stati pubblicati nel 2002). Esperti di neomedioevo e operatori museali di varia nazionalità si sono confrontati con alcuni dei maggiori storici del medioevo per riflettere sulla possibilità che un medioevo tuirstico e ‘di fantasia’ possa introdurre alla conoscenza della realtà non alterata (e liberata dai luoghi comuni) del millennio medievale.

Programma:

Torino, 26 e 27 maggio 2000
Sala Conferenze, Galleria d’Arte Moderna
Corso Galileo Ferraris 30
venerdì 26 maggio

Ore 9.00 Saluto delle Autorità

Prima sessione. La rivisitazione ottocentesca del medioevo.
Presiede: Gianni Romano, Università di Torino

Renato Bordone, Università di Torino
La rivisitazione ottocentesca del medioevo: le radici

Olivier Poisson, Ministère de la Culture, Direction de l’Architecture et du Patrimoine, Perpignan
Néomédiévalisme et architecture européenne du XIXe siècle: sources, thèmes, réalisations

José Enrique Ruiz Doménec, Universidad Autonóma de Barcelona
Modernismo e medioevo: il significato dell’evasione

Ernst Voltmer, Università di Treviri
Invenzioni del medioevo in Germania tra Ottocento e Novecento

Seconda sessione. Il medioevo tra ricerca e divulgazione
dall’Ottocento ai giorni nostri.
Presiede: rappresentante U.E.

Enrico Artifoni, Università di Torino
Nei dintorni del Borgo Medioevale: gli studi sul medioevo in Italia alla fine dell’Ottocento

Aldo A. Settia, Università di Pavia
“I rottami del diroccato castello”: tra evocazione romantica e credulità popolare

Giuseppe Sergi, Università di Torino
La rilettura odierna della società medioevale: i miti sopravvissuti

Terza Sessione. I luoghi del medioevo.
Significati e interpretazioni dell’Ottocento e dell’oggi.
Presiede: Antoni Nicolau i Martí, Museu d’Història de la Ciutat, Barcelona

Jean Michel Leniaud, Ecole Pratique des Hautes Etudes.
Le Moyen Age au XIX e siècle

Jean-Pierre Piniès, Ethnôpole GARAE – HESIODE
La Cité de Carcassonne ou le Moyen Age inventé
Christiane Amiel, Ethnôpole GARAE – HESIODE
La forteresse éternelle

Daniel Venteo, Museu d’Història de la Ciutat, Barcelona
El Barrio gótico: la monumentalización del centro Histórico de Barcelona

Guido Zucconi, Università di Venezia
Da Norimberga a Venezia, le città di un medioevo idealizzato

Rosanna Maggio Serra, Museo Nazionale del Risorgimento Italiano, Torino
Il Borgo Medioevale e la fortuna del medioevo in Piemonte
nella seconda metà dell’Ottocento

Massimo Oldoni, Università di Salerno
Il significato del medioevo nell’immaginario contemporaneo

Sabato 27 maggio, ore 9.30

Quarta sessione. Medioevo, museografia, didattica e divulgazione.
Presiede : Jean-Pierre Dalbéra, Mission de la Recherche et de la Technolgie. Ministère de la Culture et de la Communication, Paris

Antonio Brusa, Università di Bari
L’insegnamento del Medioevo nella scuola: problemi, esperienze, valutazioni

Marie-Geneviève Colin, Caisse Nationale des Monuments Historiques et des Sites
Un noveau projet culturel d’accueil du public à la Cité de Carcassonne

Sylvie Caucanas, Archives départementales de l’Aude
Patrimoine culturel, pédagogie et tourisme culturel dans l’Aude

Stefano Gasparri, Università di Venezia
La divulgazione difficile: il medioevo per il grande pubblico

Carla Bartolozzi, Politecnico di Torino
Un museo e gli spazi per la didattica e la divulgazione

Paolo Denicolai, Borgo Medioevale, Torino
Il progetto Medioevo reale – medioevo immaginario: presentazione del sito web

Daniele Jalla, Settore Musei – Città di Torino
Conclusioni. La collaborazione internazionale nel campo della cultura: prospettive di sviluppo

Quinta Sessione. Dall’Europa all’Italia: prospettive di collaborazione.
Presiede: rappresentante Regione Piemonte

Le indagini sui modelli, i risultati di una ricognizione sul territorio.
Giulia Carpignano, Luisa Castellan, Francesca Coda, Francesco Novelli.

Dal recupero alla valorizzazione: prospettive di collaborazione.
Dibattito con i rappresentanti della Regione Piemonte, della Regione Autonoma
Valle d’Aosta, della Provincia di Torino, delle Soprintendenze

Conclusioni: Assessore per la Cultura della Città di Torino, Ugo Perone

  • Facebook
  • Twitter
  • Email
  • RSS