Testamenti vescovili nell’alto medioevo

Questo “giovedì del CRISM” è anticipato di un giorno per ragioni contingenti, e prevede un seminario di Gianmarco De Angelis (di formazione pavese, addottorato a Torino e ora del King’s College di Londra), sul tema «Scritture della memoria, scritture per l’azione. I testamenti vescovili nell’altro medioevo italiano».Tardiva, discontinua, numericamente poco consistente, la tradizione documentaria dei testamenti vescovili altomedievali rappresenta tuttavia un punto di osservazione elevato e privilegiato di progetti e dinamiche del potere, polarizzati attorno a un’omogenea elaborazione di sistemi rituali funzionali alla celebrazione e perpetuazione della memoria e a una pluralità di modi di distribuzione patrimoniale destinati a incidere profondamente sugli assetti sociali. Attraverso una lettura dei testi che punti a rilevare comportamenti comuni e scelte peculiarmente riferibili ai singoli contesti indagati, la conferenza si propone di affrontare il tema delle disposizioni vescovili di ultima volontà da una duplice, integrata angolazione, che tenti di connettere al quadro normativo di fondo l’insieme delle pratiche di definizione (e modifica) della realtà, e di mostrare la consapevolezza di scelte redazionali che operano entro un discorso diplomatico interamente rivestito di contenuti politici.

  • Facebook
  • Twitter
  • Email
  • RSS